“Copenaghen”, il testo contemporaneo di Frayn per due sere al Sociale

0
917

LA DISPUTA ETICA E SCIENTIFICA DI “COPENAGHEN”
AL TEATRO SOCIALE DI COMO

COPENAGHEN, testo contemporaneo del drammaturgo inglese Michael Frayn, arriva al Teatro Sociale di Como con la Compagnia Umberto Orsini e Teatro di Roma – Teatro Nazionale martedì 27 e mercoledì 28 febbraio alle ore 20.30.

Un testo di grande valore, divenuto ormai un classico contemporaneo del teatro, che qui emerge in modo così mirabile grazie ad un trio di attori di grande spessore (Umberto Orsini, Massimo Popolizio, Giuliana Lojodice) che sanno mettere in evidenza i diversi piani di lettura e interpretare i personaggi dando risalto alle loro infinite sfaccettature psicologiche.

una foto di scena di Copenaghen

L’incontro ENERGIA E STILI DI VITA. QUALE FUTURO? precederà, lunedì 26, la doppia rappresentazione

 

L’incandescente disputa etica e scientifica a tre voci, densa di angoscianti riflessioni e interrogativi, alla vigilia del primo devastante uso della bomba atomica, ben si lega al fil rouge di questa Stagione Notte L’INFINITA EQUAZIONE, dedicata alla scienza e alla tecnologia.

Per questo motivo, lunedì 26 febbraio alle ore 18.30, ad INGRESSO LIBERO, in collaborazione con LifeGate, il Teatro Sociale ha organizzato un incontro dal titolo ENERGIA E STILI DI VITA. QUALE FUTURO?. Enea Roveda, CEO di LifeGate, dialogherà con il giornalista di Como  Bruno Profazio su un tema di attualità decisivo per le nostre vite: l’energia e la sostenibilità sociale e ambientale.

Enea Roveda nel 2000 contribuisce alla fondazione di LifeGate. Inizialmente come direttore artistico di LifeGate Radio e poi come amministratore delegato. Dal 2010, come direttore marketing e comunicazione del gruppo LifeGate si impegna ad ampliare la community e ad accompagnare le aziende nei loro percorsi di sviluppo sostenibile. Nel 2014 assume la carica di CEO del gruppo con l’obiettivo di consolidare LifeGate come punto di riferimento per la sostenibilità in Italia.

INFO

 

Biglietti per lo spettacolo in vendita presso la biglietteria del Teatro e online su www.teatrosocialecomo.it. Prezzi da 13€ a 27€ + prevendita.

 

INCONTRO di Lunedì 26 AD INGRESSO LIBERO, APERTO A TUTTI

 

Teatro Sociale

martedì, 27 febbraio 2018  – ore 20.30 Turno A

mercoledì, 28 febbraio 2018 – ore 20.30 Turno B

 

COPENAGHEN

di Michael Frayn

 

Niels Bohr                              Umberto Orsini

Werner Karl Heisenberg        Massimo Popolizio

Margrethe Bohr                     Giuliana Lojodice

Regia

Mauro Avogadro

 

Scene Giacomo Andrico

Costumi Gabriele Mayer

Luci Carlo Pediani

Suono Alessandro Saviozzi

 

Produzione Compagnia Umberto Orsini e Teatro di Roma – Teatro Nazionale

in collaborazione con CSS Teatro stabile di innovazione del FVG

Si ringrazia Emilia Romagna Teatro Fondazione

dalle note di regia:

COPENAGHEN UN PROCESSO PRIVATO A PORTE CHIUSE

Non è solo il successo riscosso a Londra e a Parigi da Copenaghen di Michael Frayn Ia ragione della messinscena di questo testo nel nostro Paese. Commedia affascinante per l’originalità dei temi e della struttura, Copenaghen è quasi un “processo privato” a porte chiuse. Porte che di continuo si aprono proiettando i personaggi verso luoghi ed azioni del passato.

Luoghi mentali, forse, ma per noi tutti reali: la bomba atomica, il genocidio, la funzione positiva, e al tempo stesso pericolosa, della scienza. Copenaghen offre la possibilità di proporre, citando Montale, “un teatro fondato sul valore della parola e non sui trucchi dell’arte spettacolare, ancor oggi, e forse per molto tempo ancora, addirittura inimmaginabile in Italia”.

Come particelle dell’atomo che si incontrano e si scontrano, i tre personaggi al centro dell’opera cercano di dare un senso alle azioni della loro vita, vittime anch’essi di quel “nucleo finale di indeterminazione che sta nel cuore delle cose”. Indispensabili, quindi, tre interpreti d’eccezione; vale a dire, tre attori che “eccezionalmente” abbandonino le loro certezze interpretative per affrontare un testo “senza modelli”.

Mauro Avogadro